L’esclusione dei Dissennatori nell’elenco degli Animali Fantastici


Questo breve articolo è in realtà uno spunto di riflessione che, in origine, era incluso nella prima stesura del mio saggio di PotterologiaNon svegliate il drago che dorme: il mondo animale in Harry Potter, e che poi è stato tagliato per limiti di spazio.

Ora lo propongo ai lettori del blog perché, mio avviso, riassume molto bene la visione rowlinghiana non solo del mondo animale, ma di tutto il suo universo letterario.

Forse solo i lettori più attenti hanno notato che in Animali Fantastici manca completamente la descrizione di una delle ‘creature’ meglio riuscite e che compaiono in maniera ricorrente nella saga dal Prigioniero di Azkaban in poi: i terribili
Dissennatori. Data l’importanza e la centralità dei Dissennatori nella trama di tutta la saga, è improbabile che la Rowling non li abbia inseriti in Animali Fantastici ‘per semplice dimenticanza’; verosimilmente si è trattata di una scelta intenzionale, pregna di significati. Cerchiamo di analizzarli brevemente.
Non tutti gli animali descritti in Animali Fantastici sono ‘benevoli’. Alcuni sono decisamente pericolosi per gli esseri umani:  ad esempio l’Acromantula, il Basilisco e la Manticora, già analizzati nel saggio Non svegliate il drago che dorme, ma anche il Lethifold o il Nundu. Quest’ultimo è descritto come “la bestia più pericolosa del mondo”, un grosso leopardo dal fiato pestilenziale capace di sterminare interi villaggi (1). Rieccheggiano, in questa figura, gli spauracchi degli animali portatori di gravi epidemie, come la peste veicolata dai ratti. Ma se il Nundu è alquanto pericoloso, il Lethifold non è da meno:  una creatura dalla forma di un velo spesso oltre un centimetro, predatore attivo verso i maghi:

“striscia nella notte, soffoca la sua preda nel sonno e scompare appena più spesso di prima, e della vittima non c’é più traccia” (2).

La sua tecnica di caccia ricorda quella dei grossi serpenti come il boa o l’anaconda. Curiosamente, l’unica arma per sconfiggere un Lethifold é l’Incanto Patronus (3) , lo stesso incantesimo che respinge i Dissennatori. Entrambi amano il buio e l’oscurità, condividono come elemento descrittivo caratterizzante ‘il mantello’, ma presentano anche una sostanziale differenza: il Lethifold uccide, il Dissennatore no, o per lo meno non uccide il corpo. Il Dissennatore uccide l’anima, succhiando ogni bel ricordo; come dichiarato dalla stessa Rowling, essi sono la personificazione letteraria della depressione, malattia tremenda che afflisse la stessa scrittrice dopo il divorzio dal primo marito. Le vittime dei Dissennatori, a differenza di quelle del Lethifold, sono vive ma sono solo gusci vuoti, involucri che hanno perso loro stessi ma che continuano a sopravvivere, condizione di gran lunga peggiore della morte. Ed é proprio questo il nodo della questione; il Lethifold, per quanto letale, è una creatura che risponde al suo istinto, alla sua natura di predatore e, in quanto tale, gli viene comunque riconosciuto lo status di animale e quindi una sua dignità intrinseca come essere vivente; cosa che non avviene con i Dissennatori, a cui, giustamente, non è dedicata nemmeno una riga in Animali Fantastici.

I Dissennatori non sono ‘esseri biologici’: sono Ombre generate degli esseri umani, il prodotto della depressione, della meschninità, della disperazione, nascono negli angoli più bui delle società umane, figli del degrado e della povertà.
La Rowling ci sta suggerendo una grande verità: per quanto pericolosi e selvaggi possano essere alcuni animali in carne e ossa (magici o meno), non lo sono mai quanto i ‘mostri’ interiori e le paure più profonde in cui può sprofondare l’animo umano.

Come saggiamente dicevano i latini: Homo, non animalia, homini lupus (l’uomo, non gli animali, è un lupo per l’uomo).

Chiara Segré

_________________

NOTE

1. Animali fantastici dove trovarli, pag.32 J.K.Rowling, Salani
2. Animali fantastici dove trovarli, pag.26 J.K.Rowling, Salani
3. Animali fantastici dove trovarli, pag.27 J.K.Rowling, Salani

Annunci

4 Risposte

  1. La figura dei Dissennatori mi ha molto colpita durante la lettura dei libri della saga di Harry Potter. Ricordo che, quando ho realizzato che cosa davvero fosse il perdere, ad opera dei dissennatori, ogni bel ricordo, sono rimasta letteralmente spaventata. Forse il contrasto è stato molto forte, in quanto in quel periodo mi stavo accostando ai libri di Louise Hay, sostenitrice del pensiero positivo. La Hay suggerisce a chi è depresso, ha scarsa autostima o poca fiducia in sé, di scegliere un bel ricordo personale e di rivivere le belle sensazioni che lo hanno accompagnato, concentrandosi sugli aspetti positivi: senso di benessere, accettazione, stima, fiducia, felicità…, . Ho da allora considerato i bei momenti vissuti, i bei ricordi, come un’ancora di salvezza a cui fare ricorso, una sorta di uscita di sicurezza, soprattutto quando il demone della depressione allunga i suoi artigli sulla serenità di vita cui avrebbe diritto ogni essere vivente.

    • Hai ragione, Caterina, in effetti dovrebbe essere proprio così… Credo che la nostra Luisa Vassallo sottoscriverebbe quello che hai detto (e anche i Dottor Sogni di Theodora).
      Ho però un dubbio personale: quando si è davvero depressi, anche non a livello di patologia ma nell’accezione comune del termine, ossia l'”essere giù”, il ricordo di un bel momento non è una nuova occasione per immalinconirsi?

      • Scusa l’errata ortografia del tuo nome! Ho toppato la “K”! Pardon!

      • >Ho però un dubbio personale: quando si è davvero depressi, anche non a livello di patologia ma nell’accezione comune del termine, ossia l’”essere giù”, il ricordo di un bel momento non è una nuova occasione per immalinconirsi?

        Più che altro, quando sei depresso non hai ‘energeticamente’ accesso a roba felice, è un slato troppo lungo. Quindi è il classico cane che si morde la coda 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: